Autorizzazione all’uso dei cookie

Cronisti in Classe

Seconda pagina dei giornalisti della Malaspina

Secondo articolo per il campionato di giornalismo
È uscito stamani sulla cronaca locale del quotidiano «La Nazione» il secondo dei due articoli che partecipano alla nuova edizione del campionato di giornalismo "Cronisti in classe" organizzato, come tutti gli anni, dalla testata fiorentina.
Stavolta la curiosità dei nostri giovani cronisti e delle nostre giovani croniste si è rivolta al mondo degli yacht.
Nella nostra provincia, lambita dalle acque del Mar Ligure, sono molte le aziende e sono molti i professionisti che hanno deciso di investire e di mettere le proprie competenze al servizio della nautica. Grazie alla disponibilità di alcuni protagonisti di questo mondo, come The Italian Sea Group, il project manager Cristiano Natali e il designer Gian Paolo Nari, che la nostra redazione ha intervistato in videoconferenza, siamo venuti a conoscenza dei segreti di un'attività industriale hi tech che nel mondo fa sognare e che, nella nostra provincia, dà lavoro a centinaia di persone.
Al centro dell'articolo principale è l'ultimissimo motoryacht prodotto dal colosso della nautica apuana: si tratta del Tecnomar for Lamborghini 63, nato, come rivela il nome, dalla collaborazione con Lamborghini e già prenotato da un campione dello sport come Conor McGregor.
Ottimo il lavoro svolto, come al solito, dai giovani giornalisti e dalle giovani giornaliste del Laboratorio di Giornalismo della Malaspina, aiutati dal giornalista Alberto Sacchetti e coordinati dal professor Federico Guidotti.
Si ricorda che, chi lo desidera, può votare l'articolo su questa pagina, previa registrazione.
Qui, invece, si può ancora leggere (e votare) la prima pagina prodotta dalla nostra giovanissima redazione.

La Malaspina su «La Nazione»

La prima pagina del laboratorio di giornalismo (a.s. 2020-2021)
Pubblicata stamani sulle pagine di cronaca locale del quotidiano «La Nazione» la prima delle due pagine che i ragazzi e le ragazze del Laboratorio di giornalismo della Scuola "Moroello Malaspina" hanno elaborato per la nuova edizione del campionato di giornalismo "Cronisti in classe".
In primo piano un'intervista alla scienziata Anna Matilde Lithgow, che 32 anni fa, negli Stati Uniti, scoprì un immunosoppressore con capacità antitumorali e antivirali che, in recenti test clinici, si è dimostrato 27,5 volte più efficace del Remdesivir contro il Covid-19. Prima di andare negli Stati Uniti, Anna Matilde Lithgow ha studiato a Massa, proprio nelle aule della Malaspina, di cui conserva ancora un bellissimo ricordo. Nel suo studio dell'Università di Salamanca, dove lavora oggi e da cui ha risposto in videoconferenza alle domande degli studenti e delle studentesse del laboratorio di giornalismo, fa bella mostra di sé una cartina dell'Italia e una foto dei monti che circondano Massa, con la Brugiana in primo piano.
Tra parentesi ci piace notare che Anna Matilde Lithgow è la seconda scienziata, dopo Anna Tenerani, che, dopo essere passata dalle aule della Malaspina, si è fatta onore nei laboratori di università europee ed americane e di cui il nostro laboratorio di giornalismo si occupa.
Sempre a proposito di pandemia, intervista a Guido Bianchini, responsabile del reparto Area Medica Covid al Noa, che, tra le altre cose, invita la popolazione apuana ad una rigorosa osservanza delle regole, anche per rispetto delle persone malate e del personale sanitario che quotidianamente lotta contro la malattia.
Come sempre, anche questa volta il lavoro che viene pubblicato è solo una piccola parte di quello che gli alunni e le alunne del laboratorio di giornalismo hanno effettivamente svolto: molte domande sono state eliminate, molte risposte sono state tagliate e intere interessantissime interviste non hanno potuto vedere la luce a causa dell'esiguità dello spazio. Si ringraziano pertanto qui per la loro disponibilità non solo Anna Matilde Lithgow e Guido Bianchini, ma anche Stefania Guerra, Debora Luccetti, Alessia Lunardini e Federica Pali, con la promessa che uno "speciale Covid" recupererà buona parte del materiale, che non è stato possibile pubblicare, all'interno del prossimo numero de «La Gazzetta dell'Aula», il giornalino dell'Istituto Comprensivo "Malaspina".
Anche quest'anno chi volesse dimostrare il proprio apprezzamento per il lavoro dei nostri studenti e delle nostre studentesse, può cliccare, dopo essersi registrato sul sito de «La Nazione», sul "cuoricino" posto su questa pagina.
Complimenti a tutti i nostri piccoli redattori e alle nostre piccole redattrici e appuntamento al 19 marzo per la seconda pagina della Malaspina!

Giovani giornalisti alla Malaspina

La pagina dei cronisti della Malaspina
È uscita stamani in edicola la prima delle due pagine che i nostri giovani redattori del Laboratorio di Giornalismo della scuola secondaria "Moroello Malaspina" hanno curato per il campionato di giornalismo "Cronisti in classe", organizzato come sempre dal quotidiano «La Nazione» e giunto quest'anno alla sua XVIII edizione.
Per questa prima incursione in edicola, i giovani redattori hanno deciso di proporre all'attenzione dei loro concittadini un realtà culturale locale che forse non tutti conoscono: si tratta della Biblioteca Nazionale di Esperanto che, custodita all'interno dell'Archivio di Stato, ospita al suo interno circa ottomila titoli dedicati alla lingua elaborata quasi centocinquant'anni fa dal medico polacco Zamenhof.
Accolti dalla direttrice dell'Archivio di Stato, la dottoressa Francesca Nepori, i ragazzi e le ragazze del Laboratorio di Giornalismo hanno potuto porre le loro domande ai due referenti del Gruppo Esperantista Massese Alessandro Simonini ed Enrico Gaetano Borrello, che si sono dimostrati disponibilissimi e hanno mostrato alcuni dei preziosi testi della biblioteca.
A chi fosse curioso di sapere perché una delle piazze più famose di Marina di Massa si chiami Bad Kissingen, che cosa leghi il famoso linguista Bruno Migliorini alla nostra città, che cosa racconti il film "L'incredibile storia dell'isola delle rose", prossimamente su Netflix, e, soprattutto, che legame ci sia fra tutte queste cose, non resta che aprire il numero odierno del quotidiano «La Nazione» e leggere gli articoli scritti da Mariachiara, Ngone, Giulia, Lavinia, Asia, Filippo, Alessandro, Alessio, Matteo, Alessio, Camilla, Matteo e Lucia sotto la guida del professor Federico Guidotti e del giornalista Alberto Sacchetti.
Infine, chi volesse mostrare il suo gradimento per la pagina scritta dalle studentesse e dagli studenti della Malaspina, può registrarsi al sito de «La Nazione» e dare il suo voto.
Prossimo appuntamento il 20 marzo!

Premiato il Laboratorio di Giornalismo della Malaspina

Premio InternetSi è svolta martedì 30 aprile, come da tradizione nell'aula consiliare del Comune di Massa, la premiazione della XVII edizione del campionato di giornalismo "Cronisti in classe" del quotidiano «La Nazione».
Anche quest'anno hanno partecipato all'iniziativa moltissime scuole di tutta la provincia alle quali «La Nazione», lo sponsor Conad e le associazioni Aci Massa-Carrara e Rotary Club Marina di Massa Riviera Apuana del Centenario hanno assegnato i premi delle diverse categorie.
E anche quest'anno la nostra scuola ha ricevuto un premio! Si tratta del premio "Internet", ovvero la pagina più votata in rete. E siamo contenti che la pagina più votata sia stata proprio la bella intervista che la nostra ex alunna, la scienziata Anna Tenerani, ha rilasciato agli studenti del Laboratorio di Giornalismo dagli Stati Uniti. Dall'Università della California, dove lavora e fa ricerca e da dove sta per partire verso un nuovo impegno scientifico e accademico verso l'Università di Austin in Texas, Anna Tenerani ha risposto ai nostri giovani redattori alle loro domande sul mestiere di scienziata, sulle sue ricerche sul Sole e sull'incredulità che a volte accompagna alcune scoperte scientifiche; per chi non la ricordasse, l'intervista è sempre disponibile qui.
Molto votata è stata anche la seconda pagina prodotta dagli studenti del Laboratorio di giornalismo, che riguardava le sane abitudini alimentari e le buone pratiche fisiche che tutti dovrebbero imparare e in particolar modo i giovani negli anni della loro prima formazione.
Grazie dunque al quotidiano «La Nazione», al suo sponsor, alle associazioni che hanno collaborato per la riuscita di questa iniziativa e al Comune di Massa che da sempre la sostiene.
E complimenti agli alunni del Laboratorio di Giornalismo del plesso Malaspina anche quest'anno coordinato dal professor Federico Guidotti con l'ausilio del giornalista Alberto Sacchetti: Luca Antonioli, Nicolò Ceccarelli e Federico Chicchi (classe II A) e Lorenzo Ceccarelli, Daniele Fruzzetti, Luca Fruzzetti, Lorenzo Gasperini, Davide Guidotti, Serena Ricci e Leonardo Volpato (classe III A).

Seconda pagina del Campionato di Giornalismo de «La Nazione»

Giovani e saluteÈ arrivata in edicola anche la seconda pagina elaborata dai nostri studenti del Laboratorio di Giornalismo della Malaspina per il Campionato di Giornalismo "Cronisti di Classe" del quotidiano «La Nazione».
Dopo aver seguito le tracce di una loro ex-collega che, dai banchi della Malaspina, è arrivata a fare ricerca scientifica e a insegnare nelle più prestigiose Università degli Stati Uniti, stavolta i nostri cronisti in erba hanno cercato di capire, intervistando le esperte di alimentazione Samantha Manfredi e Patrizia Strani e l'insegnante di scienze motorie Alessandro Vitaloni come, quando e quanto debba mangiare e quale attività sportiva o motoria debba preferibilmente praticare un ragazzo o una ragazza nell'età dello sviluppo.
Chi fosse interessato ad approfondire l'argomento può leggere gli articoli pubblicati su «La Nazione».
Anche questi articoli sono stati scritti da Luca Antonioli, Nicolò Ceccarelli e Federico Chicchi (classe II A) e Lorenzo Ceccarelli, Daniele Fruzzetti, Luca Fruzzetti, Lorenzo Gasperini, Davide Guidotti, Serena Ricci e Leonardo Volpato (classe III A); il Laboratorio è coordinato dal professor Federico Guidotti con l'ausilio del giornalista Alberto Sacchetti.
Per chi volesse votare la pagina della Malaspina-Staffetti, basta registrarsi sul sito del quotidiano ed esprimere il proprio apprezzamento per la pagina, cliccando sul cuoricino.
Ma per i giovani giornalisti della Malaspina e della Staffetti è in arrivo un'altra sorpresa...

Dalla Malaspina al Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California (e oltre)

La pagina per Anna Tenerani
Per la prima pagina del Campionato di Giornalismo del quotidiano «La Nazione», arrivato quest'anno alla sua 17ª edizione, i giovani redattori del Laboratorio di Giornalismo del plesso Malaspina della nostra scuola hanno deciso di intervistare Anna Tenerani, un'ex-alunna un po' più grande di loro che, dopo aver frequentato le aule di via Palestro tra il 1995 e il 1998 e dopo essersi distinta per un brillante percorso di studi che l'ha portata a diplomarsi al conservatorio in pianoforte classico e a laurearsi in Fisica all'Università di Pisa, sta adesso vivendo una bellissima esperienza di scienziata negli Stati Uniti, dove ha lavorato presso il Jet Propulsion Laboratory della Nasa a Pasadena in California e presso l'Università della California a Los Angeles e dove a breve inizierà a insegnare all'Università di Austin in Texas. Astrofisica specializzata nello studio del sole, ha seguito e sta seguendo da vicino il viaggio della sonda spaziale Parker Solar Probe che, lanciata l'estate scorsa, sta inviando dati interessantissimi sull'attività della nostra stella.
Prendendo spunto dall'esperienza di Anna Tenerani, che a scuola amava le lingue, che suona il pianoforte e che ora cerca di comprendere i misteri del sole nei più prestigiosi centri di ricerca statunitensi, i nostri cronisti hanno cercato di capire se per caso ci sia oggi alla Malaspina qualche studente o qualche studentessa che condivida le sue passioni e che magari un domani possa seguire le sue orme.
Per saperne di più, basta leggere gli articoli scritti dai ragazzi del laboratorio di giornalismo: Luca Antonioli, Nicolò Ceccarelli e Federico Chicchi (classe II A); Lorenzo Ceccarelli, Daniele Fruzzetti, Luca Fruzzetti, Lorenzo Gasperini, Davide Guidotti, Serena Ricci e Leonardo Volpato (classe III A). Come al solito il professor Federico Guidotti e il giornalista Alberto Sacchetti hanno coordinato il lavoro all'interno del laboratorio.
Per chi volesse votare la pagina della Malaspina-Staffetti, basta registrarsi sul sito del quotidiano ed esprimere il proprio apprezzamento per la pagina, cliccando sul cuoricino.
Appuntamento al 22 marzo con la seconda pagina di Campionato!

Premio Aci per i "Cronisti in Classe"

Premio Aci per il Giornalino della scuola! (foto di Paola Nizza)Premiati ieri i nostri studenti del Laboratorio di Giornalismo che si sono aggiudicati il riconoscimento dell'Aci Massa-Carrara con il loro lavoro sul rapporto tra nuove tecnologie e sicurezza sulla strada.
Nel tradizionale clima di festa che caratterizza la premiazione del campionato di giornalismo "Cronisti in classe", organizzato anche quest'anno dal quotidiano «La Nazione», gli alunni della classe II A della Malaspina, accompagnati dalla professoressa Lorenza Corsetti, hanno ritirato il premio in rappresentanza degli studenti e delle studentesse del Laboratorio che quest'anno avevano elaborato le due pagine pubblicate sul quotidiano di Firenze.
A sottolineare l'importanza della manifestazione sono intervenuti alla giornata di premiazione, che come al solito si è svolta all'interno dell'aula consiliare del Comune di Massa, l'ispettore del Miur Luigi Sebastiani, il socio Conad Andrea Musso, la vicepresidente dell'Aci Mirca Pollina, Fabrizio Pucci del Rotary Club, il presidente del consiglio comunale Domenico Ceccotti, l’assessore Elena Mosti, il caposervizio de «La Nazione» Marzio Pelù e il giornalista-factotum della manifestazione Andrea Luparia.
Questi i nomi di tutti gli studenti e di tutte le studentesse del Laboratorio guidato dal professor Federico Guidotti e dal giornalista Alberto Sacchetti: Jacopo Bisio, Federico Chicchi, Desirée Evangelista, Emma Fruzzetti e Giulia Vergellito (I A/M), Lucrezia Biamino, Penelope Brignole, Alice Buscemi, Thomas Calderone, Gaia De Angeli, Flavia Gallo, Valentina Giusti, Silvia Lazzeri, Juliana Memaj, Allegra MettaLucia Pianini e Francesco Vivian (II A/M) e Carlo Biancardi, Nicola Fruzzetti, Gabriele Massa, Jacopo Navari, Aurora Pucci e Lorenzo Tognetti (III A/M).
Tutte le foto che corredano questo articolo sono di Paola Nizza.

Una nuova pagina dei cronisti della Malaspina-Staffetti su «La Nazione»

La seconda pagina dei Cronisti della Malaspina-StaffettiPubblicata anche la seconda pagina che concorrerà per il campionato di giornalismo "Cronisti in classe" del quotidiano «La Nazione».
Mentre la prima pagina si era occupata di riflettere sui punti di forza e di debolezza della nostra città, con la seconda pagina i giovani giornalisti del Laboratorio di Giornalismo della Malaspina si sono confrontati con la questione della sicurezza stradale: per questo motivo, come abbiamo già raccontato qui e qui, hanno voluto ascoltare dalle parole dell’ingegnere dell’Automobile Club di Massa-Carrara Marco Bonanni e da quelle della Comandante della Polizia Stradale della provincia di Massa-Carrara Serafina di Vuolo, sia l’andamento degli incidenti nel nostro territorio (le cause principali, gli effetti, gli orari, le persone più coinvolte…) sia tutte le iniziative che cercano di contrastare i comportamenti più a rischio. E tutto ciò hanno fatto per cercare di rispondere alla domanda: ma le nuove tecnologie favoriscono o contrastano gli incidenti stradali?
Per sapere cosa hanno risposto, basta leggere i tre articoli scritti da Jacopo Bisio, Federico Chicchi, Desirée Evangelista, Emma Fruzzetti e Giulia Vergellito (I A Malaspina) e Penelope Brignole, Thomas Calderone, Gaia De Angeli, Flavia Gallo, Silvia Lazzeri, Allegra Metta e Francesco Vivian (II A Malaspina) guidati dal professor Federico Guidotti e dal giornalista Alberto Sacchetti.
Chi volesse votare i due articoli scritti dai nostri studenti e dalle nostre studentesse, può farlo, previa registrazione gratuita al sito del quotidiano, qui (per il primo articolo) e qui (per il secondo articolo).
Ma per il Laboratorio di Giornalismo non è finita qui...

La polizia stradale alla Malaspina

La Polizia Stradale alla MalaspinaLa comandante della Polizia Stradale della provincia di Massa-Carrara accompagnata da un agente della Polizia Stradale; un'automobile della polstrada parcheggiata nel cortile della scuola; la prova dell'etilometro a uno studente...
Ma cosa è successo oggi alla Malaspina?
Niente paura! I giovani giornalisti del Laboratorio di Giornalismo della Malaspina stanno preparando gli articoli per la seconda pagina del campionato di giornalismo "Cronisti in classe" de «La Nazione» e hanno invitato la dottoressa Serafina di Vuolo, comandante della Polizia Stradale di Massa-Carrara, per un'intervista-lezione sulla sicurezza stradale.
Con la dottoressa Di Vuolo, che si è sottoposta con estrema disponibilità al fuoco di fila delle domande preparate dai giovani redattori, è venuto anche l'appuntato capo Emilio Maira che ha illustrato agli studenti e alle studentesse le caratteristiche dell'automobile di servizio della Polizia Stradale. Dopo aver spiegato lo scopo di tutti gli "attrezzi del mestiere" equipaggiati sulla vettura, l'appuntato ha mostrato il funzionamento dell'etilometro e ha poi sottoposto al test uno dei nostri alunni che si è offerto volontario.
Una foto ricordo ha segnato la fine dell'incontro istruttivo e cordiale.
Un grazie alla Comandante della Polizia Stradale della nostra provincia e al suo assistente per la disponibilità dimostrata.
E ora appuntamento a venerdì 16 marzo per leggere gli articoli dei nostri studenti sulle pagine di cronaca locale de «La Nazione»!
(Per chi se lo chiedesse, l'alunno sottoposto al test dell'etilometro è risultato completamente sobrio!)

Sicurezza stradale alla Malaspina

Lezione di sicurezza giovedì scorso alla Malaspina.
L’ingegner Marco Bonanni dell’ACI Massa-Carrara, invitato dagli studenti del laboratorio di giornalismo, ha tenuto una lezione sulla sicurezza stradale agli alunni delle classi I A, II A e III A.
Forte di una lunga esperienza di lavoro con le scuole, l’ingegner Bonanni ha spiegato agli studenti presenti alcune buone pratiche che, se messe in atto con costanza e con attenzione, possono evitare gli incidenti o, per lo meno, evitarne le conseguenze più pericolose.
Per le sue spiegazioni si è avvalso di impressionanti video di crash test, di un giroscopio, di una trottola, ma anche di tradizionalissime formule di fisica tracciate con il gesso sulla lavagna.
E come dimenticare, dopo questa lezione, che lo spazio di frenata quadruplica al raddoppiare della velocità? che una macchina che viaggia a 40 km/h si ferma 10 metri dopo che l’autista si è avveduto del pericolo? e che la stessa macchina, se viaggia a 55 km/h, si ferma 20 metri dopo?
Dopo le spiegazioni dell'ingegnere, è stata la volta delle domande degli studenti, incuriositi sia dagli aspetti tecnici, sia da quelli teorici della lezione.
Alla fine dell’incontro l’ingegnere ha voluto lasciare un messaggio ai nostri studenti: nessuna tecnologia può sostituirsi alla nostra testa quando guidiamo, pedaliamo o camminiamo per strada!

Pagine

Abbonamento a RSS - Cronisti in Classe